Maggio, 2018 Archivio

Programma Tour di Paul Connet

Maggio 30th, 2018 by pier felice in Rifiuti Zero


DOPO CASE PASSERINI EFFETTO DOMINO: CADE ANCHE L’INCENERITORE DI PISA.

Maggio 27th, 2018 by pier felice in Inceneritori, Rifiuti Zero, Zero Waste Europe, Zero Waste Italy

DOPO CASE PASSERINI EFFETTO DOMINO: CADE ANCHE L’INCENERITORE DI PISA.
ORA DUE APPUNTAMENTI DI ZERO WASTE ITALY:
MARCOLEDI’ 30 A SESTO F. PRESSO LA CASA DEL POPOLO DI COLONNATA (ore 21),

IL PRIMO GIUGNO (dalle 17 in poi) PRESSO IL COMUNE DI CARMIGNANO.
Ci saranno PAUL CONNETT, ROSSANO ERCOLINI, ENZO FAVOINO.

Dai 10 che erano dopo l’annuncio del sindaco di Pisa Filippeschi adesso rimangono 4 inceneritori in terra di Toscana (Livorno di cui comunque si prevede la fine entro il 2021, Montale, Poggibonsi e Arezzo).

All’inizio del 2000 la Toscana aveva lo stesso numero di inceneritori dell’Emilia Romagna e si classificava terza nella triste graduatoria delle regioni com più impianti di incenerimento.

Ora dopo la prima batosta presa in lucchesia da dove ha mosso i primi passi il movimento Rifiuti Zero espandendosi da subito a tutta la Toscana ed oltre sono stati chiusi: Castelnuova Garfagnana, Greve in Chianti, Pietrasanta, Pontassieve-Rufina, Scarlino ed ora Pisa.

Oltre a ciò non sono stati realizzati gli inceneritori di Capannori (già dal 1997 e l’inizio di tutto), Pistoia, Prato ed in ultimo Firenze Complessivamente dall’inizio della CAMPAGNA NON BRUCIAMO IL FUTURO (sorta nel 1996 tra la piana di Lucca e la Versilia) almeno 15 inceneritori (compresi i progetti intentati) SONO STATI SCONFITTI.

Il Governo Regionale e segnatamente il PD (spesso però spalleggiato trasversalmente) HANNO PERSO: HANNO VINTO LE COMUNITA’ E IL MOVIMENTO RIFIUTI ZERO capace di canalizzare il NO verso l’alternativa gestionale dei 10 Passi ZERO WASTE.
Ora si deve APRIRE UNA FASE NUOVA con il coinvolgimento pieno delle comunità.

Dev’essere rivista anche la politica dei TRE GRANDI ATO pensata in funzione della “bufala” della “termovalorizzazione”.

Ora tutti a testa bassa ad applicare le buone pratiche svincolati dai giochi di potere delle fameliche “multiutility (Hera adesso esca immediatamente da ALIA!) e dal disco rotto di CISPEL toscana.
Si dia corpo ad un Nuovo Piano Regionale Rifiuti Zero fondato sul passaggio dalla “preistoria” dei rifiuti alla nuova era delle risorse e dei beni comuni.

Ne guadagneremo in salute dei cittadini, dei territori e di qualità ambientale oltre che in termini occupazionali.

Questi straordinari successi non sarebbero avvenuti senza la FORZA, LA TENACIA, L’INDIPENDENZA DEL MOVIMENTO RIFIUTI ZERO e dimostrano che la “DEMOCRAZIA BOTTOM UP” E CAPACE ANCHE DI GOVERNANCE oltre che di “esercitare conflitto”.
questo movimento poderoso sta facendo crescere culturalmente e civicamente TUTTA LA TOSCANA CONFIGURANDO UN NUOVO “RINASCIMENTO”.

Rossano Ercolini

presidente di Zero Waste Italy


✌✌✌✌✌ VITTORIA ✌✌✌✌✌ L’INCENERITORE DI CASE PASSERINI (FIRENZE) SCONFITTO PER SEMPRE: ORA E’ IL MOMENTO DEL RINASCIMENTO ZERO WASTE! FESTEGGIAMO LE NOSTRE VITTORIE.

Maggio 25th, 2018 by pier felice in Inceneritori, Rifiuti Zero, Zero Waste Europe, Zero Waste Italy

L’INCENERITORE DI CASE PASSERINI (FIRENZE) SCONFITTO PER SEMPRE:

ORA E’ IL MOMENTO DEL RINASCIMENTO ZERO WASTE!

FESTEGGIAMO LE NOSTRE VITTORIE.

E’ sembrata una lotta infinita ma alla fine le BATTAGLIE SI FANNO PER ESSERE VINTE!

Oggi è arrivata la notizia che il Consiglio di Stato ha posto una pietra tombale sull’inceneritore voluto da Renzi ma partito già dal 1999.

Il Consiglio di Stato interpellato da ALIA (ex Quadrifoglio più Hera) ha pronunciato un NO DEFINITIVO.

Ora si può dire senza riserve che QUESTA VITTORIA E’ DEFINITIVA!

E’ un RISULTATO STRAORDINARIO NON SOLO PER IL LIVELLO REGIONALE E NAZIONALE MA ANCHE PER QUELLO INTERNAZIONALE! Zero Waste Italy, Zero Waste Europe ed il sottoscritto ESPRIMONO UNA GIOIA STRAORDINARIA per il risultato di una battaglia che è stata seguita e supportata ai massimi livelli in appoggio alle comunità della piana Firenze-Prato-Pistoia a partire,
prima, dal Coordinamento dei Comitati della Piana fino alle Mamme No Inceneritore.
Non dimentichiamo inoltre che questa battaglia ha costituito la base del “laboratorio di Renzi” che dal momento in cui divenne presidente della provincia di Firenze ha fatto di tutto per attuare l’inceneritore di Case Passerini. E’ con orgoglio che Zero Waste Italy ed il sottoscritto rivendicano il massimo appoggio a tutti i livelli (locali e globali) al poderoso movimento che ha portato alla sconfitta di un’ipotesi da sempre denunciata come paralizzante nei confronti delle buone pratiche.

Con puntiglioso orgoglio rivendico i Piani Alternativi presentata alla Regione Toscana a partire dal 2006 curati nei dettagli dal sottoscritto cosi’ come gli appoggi internazionali garantiti alla vertenza locale della Zero Waste Internazionale con le costanti ed incisive presenze di Paul Connett, di Jack Macy (responsabile di Zero Waste San Francisco) fino al riuscitissimo meeting di ottobre delle città italiane Rifiuti Zero con una partecipazione registrata di oltre 500 persone.

Ma sicuramente è stata la manifesrtazione dei 20.000 di Firenze del 2016 a cui Zero Waste Italy e Zero Waste Europe hanno garantito appoggio nazionale ed internazionale delle Mamme No Inceneritore a costituire il punto più alto di questa battaglia che, non dimentichiamolo, nel 2006 portò anche alla vittoria del Referendum di Campi Bisenzio dove vinsero nettamente i NO subendo lo sbeffeggiamento da parte di Renzi (in seguito al quale divenni con Beppe Banchi il rappresentanti del Comitato Tecnico Scientifico dei Comitati no inceneritore nel Tavolo istituito dal comune).

Un grazie speciale all’avvocato Claudio Tamburini che da attivista 8e a gratis) ha sempre curato i ricorsi legali da parte delle comunità, a Beppe Banchi di Medicina Democratica, a Gianluca Garetti medico di Medicina Democratica ed attivista preziosissimo e alle “Mamme”.

Certo, non estranea a questo risultato che conferma quanto Firenze sia stata determinante nella sconfitta dell’articolo 35 dello Sblocca Italia prima di tutto sconfitto sui territori anche il risultato delle elezioni di Sesto Fiorentino dove la vittoria dell’attuale sindaco di Sesto Lorenzo Falchi (che ha sconfitto il PD nella sua roccaforte) è avvenuta anche in base al Protocollo RIFIUTI ZERO firmato insieme al sottoscritto a nome di Zero Waste Italy.

Ora però i comuni dell’area devono marciare veloci nella prospettiva delle buone pratiche Zero Waste: non c’è tempo da perdere!

Ora occorre che la Toscana diventi la prima Regione RIFIUTI ZERO.

Per questo l’appuntamento del Primo Giugno a Carmignano (PO) a partire dalle 17,30
sul futuro dello Zero Waste in Toscana diventa un’occasione ghiotta per preparare l’immediato futuro regionale .

Intanto il 30 pomeriggio saremo a Sesto per brindare e per celebrare la vittoria. Infine abbiamo dimostrato che “SENZA LA GENTE NON SI DECIDE NIENTE” e che ancora una volta il vento della Campagna non Bruciamoci il Futuro sta soffiando per spegnere gli inceneritori.

Rossano Ercolini,

presidente di Zero Waste Europe e di Zero Waste Italy,

vincitore Goldman Prize 2013


CONTINUA LA CAMPAGNA NAZIONALE CONTRO LA DOPPIA SPORCA DOZZINA-C’E POSTA PER TE – PASTIFICIO RANA

Maggio 17th, 2018 by pier felice in Rifiuti Zero

Prosegue la ns campagna nazionale “Contro La Doppia Sporca Dozzina - C’è posta per te” …

abbiamo inviato nuova proposta di collaborazione al Pastificio Rana facendo riferimento a segnalazione inviata loro da un cittadino stimolato da ns prima lettera Campagna Nazionale “Contro La doppia Sporca Dozzina - C’é posta per te - PASTIFICIO RANA”

questa la risposta del pastificio al cittadino Andrea Sbarbaro che ha rilanciato la ns campagna.

la ns campagna viene rilanciata  e diffusione anche da gruppi di persone attenti alle tematiche ambientali

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

diffusione gruppo di cittadini ” Cittadini Sostenibili”

CALL TO ACTION –> Avete un minuto di tempo? … gruppo “cittadini sostenibili”


PRIMAVERA RIFIUTI ZERO 2018: TUTTI GLI APPUNTAMENTI NAZIONALI E NON SOLO

Maggio 7th, 2018 by pier felice in Economia Circolare, Inceneritori, La Doppia Sporca Dozzina, Rifiuti Zero, Zero Waste Italy, ecopulplast

PRIMAVERA RIFIUTI ZERO 2018: TUTTI GLI APPUNTAMENTI NAZIONALI E NON SOLO

CON PAUL CONNETT, ROSSANO ERCOLINI E CON LA PARTECIPAZIONE DI ENZO FAVOINO.

IL TUTTO IN STRETTA COLLABORAZIONE CON COMUNI, ASSOCIAZIONI, GRUPPI E COMITATI TERRITORIALI.

Il 19 maggio, Rossano Ercolini sarà a Terni nella vertenza contro l’inceneritore che brucia lo scarto di pulper delle cartiere; verrà a presentare il Progetto Ecopulplast;


26-27 maggio ancora Rossano Ercolini sarà ad Este (PD) per partecipare ad una manifestazione organizzata dal comune mentre nel giorno successivo incontrerà le scuole;


30 maggio Paul Cobnnett e Rossano Ercolini saranno a Mantova a sostenere anche con proposte alternative la lotta delle associazioni contro l’inceneritore di una cartiera;


1 giugno, Paul Connett, Rossano Ercolini, Enzo Favoino saranno a Carmignano, comune Rifiuti Zero della provincia di Prato che ospita tra l’altro un biodistretto che su invito del sindaco Edoardo Prestanti unitamente ai GAS della zona (Gruppo di Acquisto Solidale) affronteranno tematiche di assoluta attualità anche politica ed amministrativa riguardanti le prospettive regionali toscane del progetto Rifiuti Zero alla luce delle dichiarazione del presidente Rossi contrarie all’inceneritore di Case Passerini e favorevoli ad una nuova ed aggiornata pianificazione regionale in materia;


4 Giugno c/o il Centro Ricerca Rifiuti Zero incontreremo i ragazzi di una scuola superiori di Teramo.


Tra il 2 giugno ed il 5 giugno sono previsti incontri di Paul Connett a Genova, nell’Oltre Po pavese ed un incontro presso il Centro Ricerca Rifiuti Zero di Capannori per fare il punto sui risultati della Campagna della Doppia Sporca Dozzina dei prodotti non riciclabili;

il 7-8 giugno Paul Connett sarà in Puglia per una “raffica” di incontri compresi tra Foggia e Grottaglie;


il 10 giugno Rossano Ercolini sarà a VINCI (FI) nell’ambito di una mostra ecobio che prevede una rassegna di buone pratiche;


il 12 giugno Rossano Ercolini sarà ospite in una trasmissione della Tv “Riciclativvù”;


il 15 giugno Rossano Ercolini sarà a Roubaix al Festival “Zero Dechet” invitato a parlare delle esperienze di Capannori ed italiane;


il 23 giugno Rossano Ercolini sarà in Puglia per alcuni incontri territoriale ancora da definire nel dettaglio.

Il presente programma potrà subire variazioni di date e quindi sarà costantemente aggiornato con comunicazioni di dettaglio.

p. l’organizzazione ROSSANO ERCOLINI


OLTRE 100 PERSONE AL CORSO DI FORMAZIONE RIFIUTI ZERO DI CAPANNORI DEL 27-28-29 APRILE

Maggio 2nd, 2018 by pier felice in Rifiuti Zero

Soddisfazione per il corso appena conclusosi a Capannori sul ruolo dei Centri Ricerca Rifiuti Zero e sulla analisi del rifiuto residuo.

Sono stati tre giorni densissimi di “apprendimenti” e di contatti relazionali che hanno contraddistinto uno week end a Rifiuti Zero.

“Corsisti” provenienti da tutta Italia (ma anche da Manchester e dalla Francia) hanno visto come viene svolta l’analisi del residuo operata da ormai 8 anni dal Centro Ricerca Rifiuti Zero di Capannori in applicazione della seconda parte del passo numero 8 nel contesto dei 10 passi Zero Waste.

Il ruolo dei Centri di Ricerca Rifiuti Zero si colloca nel passaggio in cui, attraverso l’analisi del RUR (è importante per un comune Rifiuti Zero portare a meno di 100 chili il rifiuto urbano residuo ma non basta) viene coinvolta la Responsabilità Estesa dei Produttori che congiuntamente alle comunità devono collaborare alla tendenza di azzerare i rifiuti a partire dagli imballaggi plastici. Come coinvolgerla dal basso (bottom up) Sviluppando “casi studio” come quello sulle capsule del caffè, come quello svolto dai bambini sulle figurine adesive (dal Club dell’Albatros dei bambini della quinta A di Marlia nel comune di Capannori) oppure come quello intrapreso recentemente nel denunciare la non riciclabilità di sistemi di imballaggio come quelli dei “tortellini Rana” (ma vale anche per “pasta Rummo”) e di Esselunga per formaggi e prodotti freschi.

Il tutto è avvenuto sviluppando la campagna nazionale contro io prodotti non riciclabili della “Doppia Sporca Dozzina” che da un anno e mezzo denuncia con le lettere di “C’è Posta per Te” un elenco di 24 prodotti non aventi alternativa allo smaltimento.

Il corso di formazione ha però messo a disposizione dettagliate alternative già da oggi in grado di ridurre gli smaltimenti facendo parlare le Famiglie Rifiuti Zero di Capannori che già da oggi acquistano prodotti alla spina e/o riusabili pannolini lavabili, assorbenti femminili riusabili, accendini non monouso, cotton fioc compostabili, ecc., in grado di consentire una produzione di RUR non superiore a 3 kili a testa come dimostrato, appunto, dalle circa 40 famiglie Rifiuti Zero di Capannori nel 2017.

Toccante, inoltre la partecipazione dei bambini del Club dell’Albatros di Marlia che hanno esposto la lettera inviata a Pizzardi Editore per evitare la plastica negli adesivi delle figurine e la motivazione di contrastare la plastica negli oceani.

Nella domenica 29, poi, sono stati consegnati i premi alle imprese verso Rifiuti Zero del 2018 che hanno rigurdato il GRUPPO SEB per la sua campagna contro l’obsolescenza programmata dei prodotti, TRED Livorno che ha prodotto il Purygreen dal poliuretano dei frigo, a SUMUS produttrice tra l’altro di teli per la pacciamatura in cellulosa da riciclo ed infine a TIARE’, piccola catena di bioscomesi che vende anche coppette mestruali, pannolini lavabili e prodotti di igiene personale alla spina.

Oltre a tutto lo staff del Centro di Ricerca Rifiuti Zero e di Zero Waste Italy è intervenuto con coinvolgenti aggiornameti relativi anche alla bocciatura dell’articolo 35 da parte del TAR del Lazio anche Enzo Favoino, coordinatore scientifico di Zero Waste Europe e Marco Severini di Selene, capofila del Progetto Life ECOPULPLAST.

Adesso la Primavera Rifiuti Zero continua con i tour del sottoscritto (Livorno il 3 maggio, 19 maggio Terni, 26 maggio ad Este) e di Paul Connett di cui già sono previste tappe a Capannori, Fornaci di Barga, Mantova (31 maggio), Oltre Po pavese e Genova.

Rossano Ercolini

Di seguito una carrellata di foto e documentazione relativa a questa tre giorni. (Cliccare sulle scritte viola)

esempi concreti di riduzione dei rifiuti:

- Video Progetto Life Ecopulplas