21 Aprile 2018 - Macerata - Un contributo sul Piano d’Ambito

Aprile 18th, 2018 da pier felice in Rifiuti Zero, Zero Waste Europe, Zero Waste Italy

Sabato 21 Aprile 2018  alle ore 9:00 a Macerata Rossano Ercolini, Enzo Favoino, Attiglio Tornavacca

http://marchearifiutizero.it/site/event/incontro-sindaci-con-zerowaste-italy-hotel-san-claudio-corridonia

http://marchearifiutizero.it/site/article/ata-incontro-con-i-sindaci-piano-regionale-di-gestione-rifiuti


TRAINING FORMATIVO SU RIFIUTI ZERO DEL 27-28-29 APRILE A CAPANNORI: “Ultimi Posti Disponibili Ti Aspettiamo - Iscriviti”

Aprile 10th, 2018 da pier felice in Rifiuti Zero

Una grande opportunità “open source” quella che il Centro Ricerca Rifiuti Zero e Zero Waste Italy mettono a disposizione per circa 80 persone in quel fine settimana.


ULTIMI POSTI DISPONIBILI - Ti Aspettiamo Iscriviti


ecco il programma definitivo completo:

CORSO DI FORMAZIONE SU ” IL RUOLO DEI CENTRI DI RICERCA RIFIUTI ZERO E L’ANALISI DEL RIFIUTO RESIDUO”

Presso il Polo Tecnologico del comune di Capannori.

Venerdi’ 27 Aprile: ore 17:00 accoglienza dei corsisti presso il Polo Tecnologico di Segromigno in Monte, via Nuova 44A, ore 19:30 cena conviviale (facoltativa)

ore 21:00, saluti dell’assessore all’ambiente di Capannori Matteo Francesconi;

ore 21:15 breve autopresentazione dei corsisti.

Sabato 28, ore 9:00, saluti del sindaco Luca Menesini;

ore 9:15 Rossano Ercolini, direttore del CENTRO RICERCA RIFIUTI ZERO, presenta i 10 passi verso RIFIUTI ZERO (o verso lo ZERO WASTE)

ore 10:00, Daniele Guidotti, direttore del Sistema di Riuso Solidale DACCAPO presenta i “villaggi di riparazione - riuso”

ore 10:30, Daniele Guidotti, Daniele Stefani, Marilina Santini, Simone Tomei collaboratori del CRRZ (Le Famiglie RZ, gli Eventi RZ, marce non competitive e acquisti responsabili)

- Serena Vizzoni del negozio “Lo spaccio tutto sfuso” di Viareggio, presentano esempi concreti di riduzione dei rifiuti - “Zero Waste Food” interviene Edi Bianchi della 5R Zero Sprechi di Brescia – intervento di Danilo Boni (ZWI) “sull’esperienza della riduzione dei Rifiuti al Giro D’Italia” – esperienze e possibilità di finanziamento per progetti associativi di sostenibilità ambientale a cura di Lorie Mallauran.

ore 11:30, Enzo Favoino coordinatore scientifico del CRRZ e di ZWE, presenta: “da meno 100 kg. Di rifiuto urbano residuo alla responsabilità estesa dei produttori” con particolare riferimento agli imballaggi plastici.

ore 12:00, Rossano Ercolini presenta “L’analisi del Rifiuto Residuo in cattedra” con il coinvolgimento dei corsisti nella ” riprogettazione partecipata”

ore 13:30 pranzo conviviale (facoltativo)

ore 15:00, rassegna dei “Prodotti della Doppia Sporca Dozzina” con “casi studio” (capsule e cialde per il caffè, il bicchierino Estathè, i pannolini lavabili, gli accendini, spazzolini ecc)

ore 16:00 “Spazio alle Domande”

ore 17:00 presentazione di brani della Conferenza-Spettacolo “Gli Oceani di Plastica e il Capitano Nemo” di Rossano Ercolini con la collaborazione tecnica di Marilina Santini, seguirà un breve intervento di Enzo Favoino sulla campagna delle eco-notate in acqua fredda per la difesa dei mari dalle plastiche.

ore 18:00 presentazione del Progetto per la scuola “I Club dell’Albatros” da parte della classe 5^ A di Marlia e del caso studio sulle figurine stickers i cucciolotti e Panini.

ore 18:30 conclusione della giornata. (Cena Libera)

Domenica 29, ore 9:00, Terza Edizione di “Imprese Verso Rifiuti Zero”: premiazione e presentazione di “Buone Pratiche di Impresa” e di riuscito coinvolgimento della Responsabilità Estesa dei Produttori,

ore 9:15 presentazione del video sul Progetto Life “ECOPULPLAST” interviene Marco Severini titolare della Selene Spa.

ore 9:30 Premiazione presentazione Aziende e Progetti premiati 2018 (a cui verrà tra l’altro consegnata la scultura dell’artista Stefania Brandinelli),

ore 12:00 consegna degli attestati di partecipazione al corso di formazione;

ore 12:30 conclusioni.

scarica programma completo

Programma Formazione del 27-28-29 Aprile 2018

lista strutture ricettive

Strutture ricettive

Per registrarsi cliccare qui

Modulo Registrazione on line


7 Aprile 2018 Ivrea - “SUM#2″ Capire il Mondo - Associazione Gian Roberto Casaleggio

Aprile 4th, 2018 da pier felice in Rifiuti Zero

Su invito della Associazione Gian Roberto Casaleggio,

nel secondo anniversario della sua scomparsa, sono stato invitato e parteciperò al grande evento

SUM#2 “CAPIRE IL FUTURO”

ad IVREA il 7 APRILE 2018 presso gli ex stabilimenti OLIVETTI.

Esso è ormai divenuto un appuntamento dove il Movimento 5 Stelle invita scienziati, intellettuali e “visionari” anche al di fuori della propria sfera politica per “CAPIRE IL FUTURO“.
Per il sottoscritto sarà un onore partecipare a questo incontro dove da ”visionario” affronterò il tema dei 10 Passi verso Rifiuti Zero e dell’EMPOWERMENT delle comunità.
Ovviamente sarà un’occasione per stimolare ulteriormente quest’area politica che ha vinto le elezioni (e che invitandomi ha lanciato un chiaro e positivo segnale)
ad assumere con forza l’obiettivo di
UNA LEGGE NAZIONALE ZERO WASTE alternativa allo sblocca Italia e all’articolo 35 sostenuto da Renzi.
Per quanto mi riguarda porterò la storia vincente non solo di Capannori ma di circa 270 comuni rappresentanti oltre 6 milioni di abitanti che adottando la
DELIBERA RIFIUTI ZERO hanno deciso di perseguire la sfida dell’azzramento dei rifiuti PER NON BRUCIARE IL FUTURO.

Rossano Ercolini


SAGRE ED EVENTI A RIFIUTI ZERO

Aprile 1st, 2018 da pier felice in Rifiuti Zero


30 Marzo 2018 - C’E’ POSTA PER TE - ESSELUNGA

Aprile 1st, 2018 da pier felice in Rifiuti Zero

Cari Responsabili di Esselunga,

Con la presente, il Centro di Ricerca Rifiuti Zero del comune di
Capannori vuole mettervi in evidenza (a nostro parere) di uno spreco
di packaging per l’acquisto di prodotti alimentari al vostro banco
gastronomia. Tutto ciò ci è stato fatto presente da una “famiglia
rifiuti zero” del nostro comune.

Di seguito, quanto è stato osservato per l’acquisto di formaggio morbido:

1- La fetta di formaggio viene avvolta con una pellicola di plastica

2- Viene poi inserita in una vaschetta di plastica con coperchio

3- La vaschetta viene incartata con la carta stagnola

4- Il tutto viene messo in un sacchetto di carta bianca in fibre vergini
anzichè da utilizzo di maceri

Troverete in allegato le foto relative a quanto sopra descritto.

L’obbiettivo del Centro di Ricerca Rifiuti Zero è quello di  incentivare
la produzione di prodotti pensati, progettati e realizzati in modo da
ridurne drasticamente il volume di rifiuto.

Da parte nostra, lungi dal voler innescare sterili conflitti ci
piacerebbe intessere forme di collaborazione gratuite per studiare
soluzioni vantaggiose sia per l’ambiente sia per i vostri obiettivi
commerciali.

Grazie per l’attenzione. Distinti saluti. > Rossano Ercolini,
direttore del Centro Ricerca Rifiuti Zero e
vincitore del Goldman Environmental Prize 2013.


Assemblea generale di Zero Waste Europe

Aprile 1st, 2018 da pier felice in Rifiuti Zero

“Dal venerdi 23 alla domenica 25 marzo,
Una delegazione di Zero Waste Italy, formata da Rossano Ercolini e Lorie Mallauran si è recata a Bruxelles per l’assemblea generale di Zero Waste Europe.
Al programma: presentazione degli eventi del 2017 e dei progetti per il futuro.
Il lavoro che svolgiamo in Italia è importante perché cerchiamo di creare soluzioni/ alternative per un modello sostenibile, ma questo incontro ci ha anche permesso di scoprire i grandi successi delle azioni svolte dalle altre 30 associazioni sparse per l’Europa.
Questa riunione ci ha permesso di stabilire una strategia per rafforzare la rete a livello europeo e anche di adottare un framework nello scopo di diffondere le pratiche rifiuti zero.”


TRAINING FORMATIVO SU RIFIUTI ZERO DEL 27-28-29 APRILE A CAPANNORI: C’E’ POSTO PER TE!

Marzo 17th, 2018 da pier felice in Corsi, Economia Circolare, Famiglie Rifiuti Zero, La Doppia Sporca Dozzina, Rifiuti Zero, ecopulplast

Una grande opportunità “open source” quella che il Centro Ricerca Rifiuti Zero e Zero Waste Italy mettono a disposizione per circa 80 persone in quel fine settimana.

Il corso di formazione oltre a percorrere insieme i 10 passi verso Rifiuti Zero o Zero Waste porrà l’accento sul ruolo dei Centri di Ricerca per analizzare la frazione dei Rifiuti Urbani Residui al fine di individuarne i migliori trattamenti impiantistici a fredddo e soprattutto per avviare casi studio per la riprogettazione di prodotti e materiali ad oggi non riciclabili e non compostabili.

Un passo concreto per chiamare in causa la Responsabilità Estesa dei Produttori che richiede un approccio sempre più condiviso ed efficiente alla progettazione di beni e prodotti. E tutto questo mentre proprio in questi giorni abbiamo lanciato un un’offensiva culturale in alternativa agli imballaggi poliaccoppiati che si presentano di difficile riciclo e che spesso come nel caso della Pasta Rummo, dei Tortellini Rana, del Riso Carnaroli devono essere collocati nell’indifferenziato proprio perchè formati da un misto di carta e plastiche non riciclabile. Questo approccio che esternalizza i costi ambientali sui cittadini che magari fanno un’ottima RD dev’essere CENSURATO chiamando queste aziende alle loro responsabilità e promuovendo un nuovo “disegno industriale”.

Per questo nel corso del training formativo daremo ampio spazio a questa tematica condividendo le modalità per portare a successo “campagne dal basso”. Oltre a parlare, quindi, della “Doppia Sporca Dozzina” dei prodotti “indigesti” si parlerà del Progetto Pilota di circa 50 famiglie che a Capannori raggiungono già adesso l’obiettivo RZ, di come attuare “Eventi a RZ” e di come legare l’attuazione delle Buone Pratiche alla riduzione delle plastiche per ridurre la drammatica minaccia agli oceani rappresentata dal monito dei “continenti di plastica”.

Insomma: YES WEEKEND! Iscrivetevi, ci sono ancora circa 40 posti a disposizione.

Rossano Ercolini

10 passi torta frecce

qui il link del programma

javascript:mctmp(0);

scarica programma completo

Programma Formazione del 27-28-29 Aprile 2018

lista strutture ricettive

Strutture ricettive

Per registrarsi cliccare qui

Modulo Registrazione on line


16/17 MARZO - FIRENZE - SOCIETA’ SOSTENIBILE WEEKEND IN SANTA MARTA

Marzo 15th, 2018 da pier felice in Rifiuti Zero


12 MARZO 2018 - CAMPAGNA NAZIONALE CONTRO LA DOPPIA SPORCA DOZZINA-C’E POSTA PER TE - PASTIFICIO RANA

Marzo 15th, 2018 da pier felice in Economia Circolare, La Doppia Sporca Dozzina, Rifiuti Zero


05 Marzo 2018 - CASO STUDIO SUGLI IMBALLAGGI COMPOSITI POLIACCOPPIATI

Marzo 5th, 2018 da pier felice in La Doppia Sporca Dozzina, Rifiuti Zero, ecopulplast

CASO STUDIO SUGLI IMBALLAGGI COMPOSITI POLIACCOPPIATI

Questo caso studio fa seguito al lancio della

CAMPAGNA NAZIONALE

CONTRO I PRODOTTI DELLA DOPPIA SPORCA DOZZINA

e riguarda in particolare il pianeta semisconosciuto degli imballaggi poliaccoppiati o poli materiali.

C’è da dire che la confusione regna a livello merceologico ma anche a livello normativo o di regolamentazione dove collocare tali materiali.

Su questo aspetto che riguarda imballaggi che a livello empirico abbiamo riscontrato nel “sacco grigio” dei RUR (Rifiuti Urbani Residui) di Capannori ci riferiamo ad imballaggi del Mulino Bianco (Barilla), della pasta Rummo, dei tortellini Rana, del Riso Carnaroli (senza specificazione di marche), di cibo per Pet, tetrapack per latte, succhi di frutta e fagioli, per confezionamenti di pastiglie e polveri solubili acquistate in farmacia.

Abbiamo preso atto di una comunicazione congiunta di COREPLA (Consorzio delle plastiche) e di COMIECO(Consorzio della carta) che chiariscono (fino ad un certo punto in materia).

Per esempio mentre sembra “tenere” l’azione di Barilla che sui biscotti afferma di aver svolto un test di riciclabilità per cui l’imballaggio è certificato essere costituito da prevalenza di materiali cellulosici (carta- C/PAP 80-84) niente dice cosa fare con la parte mista alluminio e polipropilene (un tipo di plastica). In analogia con il tetrapack, costituito top al 72% di fibre cellulosica che (lunghe e quindi di buon pregio per produrre anche carta tissue) si dovrebbe aggiungere da parte di Barilla che se è vero (ed è vero) che la parte cellulosica del suo imballaggio è riciclabile altrettanto non lo è la parte plastica e di alluminio a meno che non si chiarisca che debba andare in impianti analoghi a quelli che riciclano il tetrapack (ne abbiamo uno presso la cartiera Lucart di Borgo a Mozzano in provincia di Lucca che produce fazzolettini e carta igienica marroncina dalla parte cellulosica del tetrapack e manufatti in “ecoallene” quali camminamenti per diversamente abili e/o pallets dalla parte costituita da polietilene ed allumini). Ma questo approccio contraddittorio di Barilla risulta oggettivamente meritorio (almeno la carta si può davvero recuperare mentre la plastica e l’alluminio vanno ad ingrossare i flussi di “scarto di pulper” in cartiera classificato come scarto speciale che solo adesso con il Progetto ECOPULPLAST si sta dimostrando RICICLABILE)

ALTRI IMPORTANTI MARCHI NON FANNO COSI’.

TORTELLINI RANA” sulla sua confezione afferma di usare meno plastica (mischiando carta e plastica nell’imballaggio) ma non avendo sottoposto tale packaging aa test di riciclo (normato) prevede (come confermano COREPLA E COMIECO) di conferire il sacchettino nell’indifferenziato…a carico dei consumatori (alla faccia della Responsabilità Estesa dei Produttori).

Lo stesso dicasi per la PASTA RUMMO, per alcune tipologie di RISO CARNAROLI e per i BRIGIDINI DI LAMPORECCHIO (dolci tipici toscani).

Per quanto riguarda gli altri imballaggi poliaccoppiati (C/LDPE in plastica polietilene contrassegnati C/90 che si riconoscono empiricamente perchè “stanno in piedi” vedi il cibo per molti prodotti PET) e o per quelli in prevalenza alluminio (C 82-84-90 che si riconoscono perchè si flettono rimanendo piegati) appare chiaro che si possono collocare nelle rispettive raccolte differenziate che spesso sono congiunte (multimateriale leggero). Quello che non è chiaro è la loro componente merceologica e quello che spesso appare verosimile è che in ultimo finiscano a recupero di energia (incenerimento).

Per cui, in linea con il seguente caso studio e con la Campagna Contro la DOPPIA SPORCA DOZZINA-C’E POSTA PER TE invieremo lettere specifiche alle marche menzionate relative ai prodotti citati e studiati.

Va da sè che seppure con il rilievo critico menzionato dobbiamo riconoscere a BARILLA un passo in avanti che spero possa permetterci di avanzare passi ulteriori nella comune possibilità di avviare a riciclo di materia la totalità degli imballaggi costituiti prevalentemente in carta.

Per il Centro Ricerca Rifiuti Zero del comune di Capannori

Rossano Ercolini,

vincitore Goldman Prize 2013

Presidente di Zero Waste Italy e Zero Waste Europe

#RifiutiZero #ladoppiasporcadozzina #Imballaggi #Poliaccoppiati