Novembre 24th, 2014 da pier felice in Inceneritori, Rifiuti Zero


Novembre 20th, 2014 da pier felice in Inceneritori, Rifiuti Zero

Sabato 22 novembre
ore 10:00 Incontro con gli studenti presso il Liceo Scientifico Ribezzo di Francavilla Fontana (BR).
ore 18 presentazione del libro per Taberna Libraria presso la Pinacoteca - San Michele Salentino (Latiano)


-

Domenica 23 novembre
ore 9:30 “Incontro-dibattito” presso il Cineteatro Spadaio di Massafra (TA) dove Ercolini presenterà il suo libro.
ore 15:00 “Un caffè con Rossano Ercolini” presso i Laboratori G.Lan a Noci (BA)
ore 17:00 “Caffè scientifico” per Il <Libroscopio-Settimana della cultura scientifica> presso il Palazzo della Cultura a Noicàttaro (BA) dove Rossano Ercolini presenterà il suo libro.


Da 8 Paesi del mondo per dire no all’incenerimento dei rifiuti nei cementifici, negli inceneritori e per Rifiuti Zero. I prossimi appuntamenti.

Novembre 11th, 2014 da pier felice in Rifiuti Zero

10.11.2014 – E’ stato un successo! Oltre 200 persone hanno preso parte complessivamente, il week end scorso, nella “due giorni di Barletta”. Attivisti, esperti, amministratori e soprattutto molti cittadini hanno partecipato ad un evento memorabile per la città de “La disfida di Barletta”. Relatori come Paul Connett, Rossano Ercolini, Enzo Favoino, Mariel Vilella ed Agostino di Ciaula ed altri provenienti da tutta Italia hanno preso parte ad un evento che ha anche voluto richiamare la insostenibilità dentro la città di un cementificio che brucia rifiuti.

Proprio i cementifici, in particolare, sono stati definiti da Paul Connett, professore emerito della St. Lawrence University di New York come una “toilette a bassa tecnologia” che brucia rifiuti con dispositivi di depurazione dei fumi molto approssimativi e che inglobando le ceneri nel “clinker” crea i presupposti (una volta che gli edifici costruiti con questo cemento vengono poi demoliti) per una diffusione nell’ambiente di diossine e di metalli pesanti.

Inoltre è stata “smontata” la “balla” che sostituendo i combustibili fossili come il petrolio nelle caldaie dei cementifici con i rifiuti (CSS, combustibile solidi secondario) vi sarebbe un “miglioramento ambientale”: FALSO!

Al contrario in questo modo i fumi in uscita dai camini dei cementifici contengono diossine e soprattutto metalli (mercurio) che il petrolio provoca in quantità più basse. Se consideriamo poi che i cementifici “godono” di standard emissivi molto più permissivi per gas acidi (come i gas NOx ed altri) e che producono quantità maggiori di fumi se comparate con gli stessi nocivi impianti di incenerimento “dedicati” il quadro che si ricava da questi impianti è disastroso per salute ed ambiente.

Non a caso nel corso dell’incontro è stata promossa, da associazioni regionali Zero Waste, dal Movimento nazionale Legge Rifiuti Zero e da Zero Waste Italy, una petizione al parlamento europeo contro la truffa del CSS, grazie al “Decreto Clini” il nome una garanzia, in quanto il signore in oggetto ex Ministro dell’Ambiente è stato arrestato.

Le delegazioni italiane, presenti dal Veneto (Monselice), dall’Umbria (Gubbio), dalla Puglia (Barletta e Galatina), dalla Sicilia (Trapani), dal Lazio (Roma) hanno condiviso le loro battaglie con le delegazioni internazionali provenienti da Paesi quali Spagna, Inghilterra, Slovenia, dalla Serbia, dalla Bulgaria, Giappone e USA, hanno deciso di elaborare un manifesto contro tutte le forme di incenerimento e di “coincenerimento” e di riconvocarsi in Catalogna nel prossimo marzo. Le realtà italiane, invece, proprio in vista dell’incontro catalano s’incontreranno un mese prima a Monselice (PD).

Non sono mancate proposte ricche di progettualità provenienti da molte parti d’Italia, da Capannori in particolare, impegnate in un esaltante percorso di successo nell’azzeramento dei rifiuti che ha portato proprio a Capannori a promuovere addirittura un’azienda come Funghi espresso a produrre funghi dai fondi del caffè ricevendo il primo premio dalla Regione Roscana (su 180 imprese) che dimostrano come i “10 passi verso Rifiuti Zero” possano non solo evitare rischi ambientale e sanitari (al contrario di discariche ed inceneritori) ma promuovere nuova occupazione ed impresa locale.

Per questo è stato stigmatizzato dall’incontro internazionale il ricorso da parte del governo Renzi al decreto “Sblocca Italia” che in particolare con l’art.35 vuole rilanciare le sorti traballanti della lobby dell’incenerimento. Nei fatti questo articolo che contraddice in modo lampante e grottesco gli indirizzi europei rivolti a promuovere la riduzione dei rifiuti, il riuso ed il recupero di materia non passerà! Proprio su questo fronte si preparano altre iniziative di Zero Waste Italy in collaborazione con i gruppi locali regionali volte a promuovere al massimo la strategia di Rifiuti Zero.

Durante questa settimana ci saranno anche, coinvolgendo temi più ampi (quali quelli della crisi ambientale planetaria e della tutela del cibo) iniziative a Milano, Lecco, Vercelli e soprattutto Parma dove il 14 novembre il Comune e associazioni locali con la collaborazione di Zero Waste Italy si confronteranno in un incontro di grande spessore intitolato “No warning” dove parteciperanno Erik Assadourian del prestigioso “Worldwatch Institute” (che ha accolto l’invito di Zero Waste Italy), Paul Connett, il sindaco Pizzarotti, l’assessore Gabriele Folli e Rossano Ercolini.

Il 15 e 16 novembre a Moncrivello, in provincia di Vercelli, altra importante iniziativa associata alla presentazione del libro di Ercolini “Non bruciamo il futuro” in cui il comune capoluogo di questa provincia renderà noto il percorso di adesione alla strategia Rifiuti Zero.

Zero Waste Italy che con G.A.I.A., Zero Waste Europe e il Movimento Regionale Legge Rifiuti Zero Puglia, con il prezioso patrocinio di ISDE Italia-medici per l’ambiente hanno promosso l’evento di Barletta, ringrazia davvero tutte le realtà che si sono connesse dal livello “locale” a quello “globale-internazionale” per la ricchezza di passione civile prodotta e per le conoscenze di dettaglio condivise a partire da quelle dei rischi sanitari descritte in modo eccezionalmente ricco di dati scientifici dal Dott. Agostino di Ciaula di ISDE Puglia e dal Prof. Paul Connett.

Formidabili, poi, i contributi arrivati da molti comitati ed associazioni rappresentati da Francesco Miazzi di Monselice, da Paola Nuti di Gubbio, dal vicesindaco di Galatina Roberta Forte, dal comitato contro l’inceneritore di Massafra, da Antonino Esposito del progetto “Hotel & ristoranti Rifiuti Zero”, dai rappresentanti di “Artemia salina” di Margherita di Savoia nonché da Massimo Piras (che ha presentato la petizione al parlamento europeo contro il CSS) e di Franco Matrone (che ha parlato contro l’articolo 35 e lo “Sblocca Italia”).

Un grazie enorme allo staff nazionale di Zero Waste Italy costituito da Patrizia Lo Sciuto, Vanessa Sansone e da Marta Ferri ed ovviamente a G.A.I.A e a tutte le delegazioni internazionali.

Infine un ringraziamento forte va a Sabrina Salerno dell’ass. Beni Comuni e a Alessandro Zagaria e Francesco Caravella del Movimento Legge Rifiuti Zero_Puglia per il loro lavoro perfettamente sinergico che ha prodotto una “squadra” davvero efficace “locale-globale”.

Alla prossima… Carichi di energia pulita!

ZERO WASTE ITALY


GLI APPUNTAMENTI DOPO IL CONVEGNO INTERNAZIONALE DI BARLETTA

Novembre 11th, 2014 da pier felice in Inceneritori, Rifiuti Zero
E dopo il ricchissimo convegno internazionale di Barletta si prospetta una settimana intensa per le attività di diffusione del messaggio Rifiuti Zero e temi della sostenibilità ambientale a cura di Zero Waste Italy, di associazioni ed enti locali.
Paul Connett, insieme a Enzo Favoino, sarà a NTI di Brianza (MB) mercoledì 12 novembre. In seguito professore americano terrà una conferenza giovedì 13 novembre a Lierna (LC). Giovedì 14 sarà la volta di Parma dove ci sarà un importantissimo incontro sui temi della sostenibilità dal titolo “Global Warming”; tra i relatori Erik Assadourian co-director del prestigioso Wordwatch Institute, Paul Connett e Rossano Ercolini.
Sabato 15 a Castello di Moncrivello (VC) Rossano Ercolini presenterà il suo libro “Non bruciamo il futuro” e domenica 16 novembre incontrerà gli amministratori del territorio.
Qui di seguito tutte le info relative agli incontri.

FUNGHI ESPRESSO: un grande risultato!

Ottobre 31st, 2014 da pier felice in Rifiuti Zero

http://www.zerowasteitaly.org/wp-content/uploads/2014/10/Unknown.jpeg

E’ con enorme soddisfazione che apprendiamo del successo di FUNGHI ESPRESSO quale prima azienda premiata (su 180) Verso Expo 2015. Oltre ad esprimere personale soddisfazione per il riconoscimento ad Antonio Di Giovanni, titolare dell’azienda nonché agronomo del Centro Ricerca Rifiuti Zero del Comune di Capannori e il suo socio Vincenzo Sangiovanni, ritengo sia di grande importanza ricordare che questa azienda ubicata nel Comune Rifiuti Zero di Capannori rappresenta il risultato diretto del “caso studio” sulle capsule del caffè elaborato dal CRRZ nel 2010 che si è articolato anche sul versante di come valorizzare i fondi del caffè (oltre a quello di evitare di inviare a smaltimento le capsule monoporzionate).

Dopo aver svolto un riuscitissimo progetto pilota nell’istituto comprensivo “Ilio Micheloni” di Capannori che ha visto i bambini coltivare i funghi dai fondi del caffè recuperati dai bar è partito un iter a tratti anche complicato per avviare una attività produttiva che muovendo dalle acquisizioni scientifiche accumulate dal “caso studio” potesse trasformare in un business plan ed in un concreto “star up” le conoscenze acquisite. Oggi la regione Toscana premia non solo FUNGHI ESPRESSO ma l’intero sforzo partito e sviluppato complessivamente all’interno del Centro di Ricerca Rifiuti Zero che nel segno della piena applicazione dell’ottavo passo (parte “b”) dei 10 passi Verso Rifiuti Zero studia su come ridurre ulteriormente i rifiuti non ancora sottratti a smaltimento.

Questo premio che vedrà FUNGHI ESPRESSO rappresentare la Toscana all’expo di Milano premia di fatto i successi di Rifiuti Zero riconoscendo genialità e concretezza ai “prodotti” di questo percorso in grado di attrarre investimenti e promuovere posti di lavoro applicando i dettami della blue economy che ritengono gli scarti dei processi quali “cibo” per produrre addirittura proteine di alto valore e di bassisima “impronta ecologica” (se commisurata alla produzione di proteine animali). E’ questo un ennesimo successo della strategia Rifiuti Zero in italia che già nel Comune di Capannori ha visto l’avvio della esperienza Effecorta.

Rossano Ercolini

vincitore del Goldman Environmental Prize 2013

presidente di Zero Waste Europe e di Zero Waste Italy

direttore del Centro di Ricerca Rifiuti Zero del Comune di Capannori


Ottobre 28th, 2014 da pier felice in Inceneritori, Rifiuti Zero


Ottobre 27th, 2014 da pier felice in Inceneritori, Rifiuti Zero


Comunicato stampa del 24.10.2014

Ottobre 27th, 2014 da pier felice in Inceneritori, Rifiuti Zero, TORCIA AL PLASMA

L’ autunno caldo di Rifiuti Zero contro l’articolo 35 del Decreto Sblocca Italia che vorrebbe rilanciare l’incenerimento morente ma soprattutto per far dilagare la strategia Rifiuti Zero

Dopo aver coordinato in Italia ben 16 iniziative che dal 14 al 19 novembre in altrettante città italiane a favore della Giornata mondiale di azione contro l’incenerimento dei rifiuti che nel nostro paese è stata dedicata alla opposizione all’art.35, Zero Waste Italy promuove altre cruciali iniziative di rilevanza internazionale. La prima si svolgerà a Barletta l’8 e 9 novembre e verterà sui motivi dell’opposizione alla combustione dei rifiuti nei cementifici “esaltata” in italia con il cosiddetto “Decreto Clini” (ex Ministro dell’Ambiente poi arrestato) che in modo rocambolesco e contradditorio alle normative comunitarie tende a sottrarre dal novero dei rifiuti il combustibile solidi secondario (CSS) per bruciarlo nei cementifici derogando dalle più restrittive norme sulla combustione dei rifiuti minacciando, quindi, salute, ambiente e buone pratiche di riduzione, riuso, riciclo, riprogettazione.

In questo evento organizzato con il movimento pugliese di sostegno alla proposta di legge Rifiuti Zero e con ISDE Italia nonchè con GAIA e Zero Waste Europe parteciperanno oltre a molte delegazioni da tutta Italia almeno altre sei delegazioni internazionali provenienti da Spagna, Slovenia, Serbia, Inghilterra, Stati Uniti e Giappone. Il secondo evento invece si svolgerà a Parma e coinvolgerà per il 14 novembre il World Watch Institute nella persona di uno dei suoi più influenti dirigenti Erik Assadourian, Paul Connett che sarà in Italia su nuovo invito di Zero Waste Italy e Rossano Ercolini, vincitore del Goldman Environmental Prize 2013 e Presidente di Zero Waste Europe che terranno una serie di incontri coinvolgenti il Comune di Parma che culmineranno in serata con un evento che avrà come tema la sostenibilità ambientale, la sostenibilità alimentare, lo spreco e la qualificazione della Food Valley. Tale incontro, scaturito alla fine del mese di luglio da un meeting avuto da una delegazione congiunta del Comitato Gestione Corretta dei Rifiuti di Parma (tra i promotori più importanti di questa giornata) e lo staff della Barilla, ha lo scopo di indicare i “percorsi di sostenibilità” per un sistema alimentare di qualità e “fuori dallo spreco” e dall’incenerimento.

A completamento di questo programma già straordinario sono previsti incontri e workshop nell’area Milanese, il 12 novembre a Vimercate, con Paul Connett e Enzo Favoino ed un incontro, nella mattinata del 13 novembre, con la Commissione Ambiente della Regione Lombardia sul già citato articolo 35.

A “sigillare” questo intenso autunno, infine l’invito rivolto a Rossano Ercolini a partecipare ad un importante meeting internazionale a Shangai in Cina previsto dal 2 al 4 dicembre per incontrare in quel paese i

movimenti che si battono contro l’incenerimento dei rifiuti (ed in Cina la situazione non è certo facile) ma anche le autorità governative per sensibilizzarle alle buone pratiche Zero Waste. Questo invito conferma il ruolo particolarmente importante di Rifiuti Zero in Italia e in Europa che stanno attirando l’attenzione di molte situazioni internazionali.

Ma già, nei giorni successivi di dicembre si preparano ulteriori opportunità per incontrare ancora l’energia ed il buon senso della strategia Rifiuti Zero a cui Zero Waste Italy sta dando un contributo martellante.

Zero Waste Italy


Ottobre 22nd, 2014 da pier felice in Rifiuti Zero


Ottobre 15th, 2014 da pier felice in Inceneritori, Rifiuti Zero